L’eccezione del blu.
Frammenti
di William Xerra

Pavia
8-24 nov. 2018

L’attività della Galleria Marco Fraccaro, prestigioso spazio espositivo da molti anni luogo di incontro e di scambio culturale tra il mondo studentesco ospite del Collegio Fratelli Cairoli di Pavia e la comunità cittadina e universitaria, inizia una nuova stagione di interventi e collaborazioni nel campo della ricerca artistica, come naturale prosecuzione e ampliamento di una lunga tradizione espositiva affidata al rinnovamento nel settore della ricerca visiva. Si tratta di una sezione qualificante, che utilizza formule e strumenti di comunicazione specifici, nel contesto più ampio dell’attività culturale ed espositiva promossa dal Collegio.

William Xerra

Nato a Firenze nel 1937, vive e lavora a Piacenza.
Tutta la sua opera è rivolta tra il segno poetico e pittorico, anche quando negli anni Settanta, tra happening, performance e video, concepisce una serie di opere strettamente “concettuali”. Sarà poi il “frammento” in grado di significare i percorsi e le memorie dell’esperienza quotidiana.
Dei primi anni Settanta sono: la “verifica del miracolo” con Pierre Restany, le “buste riflettenti”, i “libri-oggetto”, l’intervento su “lapidi dismesse” ed i “poemi flipper” con il poeta Corrado Costa. Quando agli inizi degli anni Ottanta Xerra ripensa alla pittura, tutte queste esperienze tornano nel quadro, inteso come luogo di raccolta incessante di azioni, citazioni, appunti. Filiberto Menna lo conferma, nel 1987, uno dei Maestri italiani della pittura-scrittura-pittura. Il “Vive” del 1972, che visse a Pavia una delle tappe più significative, accompagnerà l’opera dell’artista in tutto il suo percorso. Nel 2002 presenta alla Fondazione Mudima a Milano, il manifesto “Io mento”, letto da Pierre Restany.

Luogo

Piazza Collegio Fratelli Cairoli, 1, Pavia.

Orario

Giovedì, venerdì, sabato dalle 17:00 alle 19:00.

Periodo

Dall'8 al 24 novembre 2018

Puoi scaricare il pieghevole della mostra cliccando il pulsante sottostante